.
Annunci online

ideocoordinate
 
 

CULTURA
19 settembre 2017
L'Analisi Simbolica Interrelazionale

L'Analisi Simbolica Interrelazionale


Giorgio Misuri

Ricercatore CERN in pensione

ideocoordinate@gmail.com

Gli informatici hanno dovuto inventare "l'ingegneria dei requisiti" per raccogliere tutte le richieste dei futuri utenti di un sistema informatico e non dimenticare nulla. (E' successo che per aver dimenticato un particolare fosse stato necessario rifare tutto daccapo [Legge di Murphy!]).

Un sistema analogo, meno formale, è necessario per gestire le richieste degli elettori prima di formulare nuove leggi; educa all'analisi e diventa una seconda natura. E' utile per la politica, le aziende e per se stessi.

Qui i link ad alcune presentazioni PPT, volantini e articoli che introducono al concetto di analisi.

Presentazioni Power Point

Esempio applicazione ASI – Presentazione Power Point.

Niente è semplice come sembra, perciò c'è bisogno di approfondire.

Il cuore ha delle ragioni che la ragione non intende – Presentazione PPT

Se il cuore avesse ragione, non ci sarebbero coppie infelici! Occorre conoscere le ragioni del cuore, studiando un po' si può!

Volantini A4

Gestire la complessità con i FRATTALI – Volantino A4

La natura gestisce la complessità con strutture frattali, anche l'uomo lo fa, ma deve migliorare

Per formare dei leader anche il teatro aiuta _ Volantino A4

Per parlare in pubblico bisogna aere una voce forte, un portamento autorevole... sono tutte qualità teatrali. Inoltre il teatro educa alla disciplina, alla coltivazione della memoria, a conoscere la natura umana e se stessi.

Egemonia culturale – Volantino A4

Il sonno della ragione genera mostri
I sogni della ragione cambiano il mondo

Non si controlla un paese se non si ha una "Egemonia Culturale" come 'l'auspicava Gramsc i. La sinistra l'ha avuta, ma quel grande patrimonio di fiducia è stato dilapidato. Per conquistaer la fiducia e mantenerla ci vuole una cultura di governo. L'"Egemonia culturale" si conquista parlando da statisti e formando statisti.

Progetto software per la formazione Volantino A4

Una persona responsabile deve essere "abile a rispondere", cioè deve avere una risposta pronta per le domande che gli faranno. Il sistema di analisi serve proprio a farsi le domende giuste prima degli altri.

Articoli

Essere Manager

Una buona notizia: il manager non lavora, fa lavorare gli altri!

Bello no? Anzi: troppo bello! Naturalmente ci sono degli inconvenienti, il manager ha un compito economico o sociale da svolgere. Se lo svolge bene, se c'è un grande risparmio di risorse o di denaro, il manager ne merita un'ampia parte, ma se le cose vanno male? Allora viene licenziato o c'è una rivolta dei dipendenti che lavorano per nulla o perdono lo stipendio.

Inoltre non siamo più al tempo di Roma antica, quando si faceva lavorare gli schiavi con la frusta, bisogna convincere e per questo ci vogliono qualità umane:

«Correggere gli indisciplinati, confortare i pusillanimi, sostenere i deboli, confutare gli oppositori, guardarsi dai maligni, istruire gli ignoranti, stimolare i negligenti, frenare i litigiosi, mo­derare gli ambiziosi, incoraggiare gli sfiduciati, pacificare i contendenti, aiutare i bisognosi, liberare gli oppressi, mostrare approvazione ai buoni, tollerare i cattivi e [ahimè!] amare tutti».

Cultura di pace: La soluzione dei conflitti senza conflitto

Per sanare un conflitto bisogna proma di tutto conoscrne tutti gli aspetti. L'Analisi Simbolica imposta giustamente il problema.

Gestire le informazioni in situazioni di emergenza

Quando non c'è tempo di pensare, bisogna che tutto quello che abbiamo bisogno di sapere sia già nella nostra memoria.

Gestire la complessità L'Analisi Simbolica Interrela­zionale (ASI)

L'ingegneria dei requisiti è il modo in cui gi informatici raccolgono le richieste dei committenti e le verificano prima di affrontare la realizzazione di un sistema. In questo processo è importante usare termini appropriati (linguistica) tener conto delle fallacità della memoria per arrivare a un descrizione formale del problema iniziale comprensibile da un computer.

L'articolo descrive come organizzare le conoscenze per arrivare al risultato.

Poesie

Mai dimenticare che la tecnica è fatta dall'uomo per l'uomo. La cultura umanistica viene prima della cultura tecnica, ma non può sostituirla. L'analisi Simbolica è un tramite tra la volontà umana e la sua realizzazione con sistemi economici, industriali o politici. Ad usarla devono essere uomini con grandi qualità umane, prima che tecniche.




permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 19/9/2017 alle 17:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
1 settembre 2017
Indice dei miei post

Indice dei miei post

Non occorrono quarant’anni di programmazione di computer per convincersi che il computer ha sempre ragione (anche quando il computer sbaglia una ragione c’è), ma sperimentarlo ogni giorno per tanti anni cambia il modo di vedere il mondo e ci si convince che se le nostre idee non corrispondono ai fatti, sono i fatti ad avere ragione! Esattamente come con il computer.

L’uomo è superiore alle macchine che ha costruito perché capace di amare, scrivere poesie, romanzi, fantasticare e… ma al prezzo di tanti tentativi falliti, delusioni, accidenti.

Sono un informatico (dal1965!). Subito dopo aver preso la laurea in matematica applicata all’Università di Mosca e successivamente in Matematicaa Firenze, ho cominciato a lavorare in istituti di ricerca internazionali: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e CentroEuropeo di Ricerche Nucleari a Ginevra, però sono più noto per alcune poesie riuscite particolarmente bene che per i mieilavori scientifici.

Inno dell'MTS (Movimento Tartassati Scontenti)

Unomaggio floreale
L'oratore
L'unitàSanitaria Locale



Così va il mondo. La poesia – come la pubblicità– diverte.Diverte l’attenzione da cose importanti nella vita oppurefocalizza l’attenzione su sentimenti, vizi e virtù.

I miei libri:


___________________________________________________


Del rapporto tra cultura, religione e politica

La Politica è decidere non sapendo come decidere

La Cultura di Governo

Movimento 5 Stelle

Abbiamo finito il budget

Poter rispondere, saper rispondere

Sistemi e deresponsabilizzazione della società

Perché le riunioni sono poco produttive?

Ragionare in modo sistemico

L'Inganno

I nuovi compiti della politica

Rischi accettabili

Complessità socio-tecno-ambientale

Monorotaie

Per semplificare le cose, occorre complicarle!


Onore al Ragioniere

Informazione gratis? Che illusione!


Basi culturali per una politica M5S
Anziani!
Management politico
Comesi riconosce una lista 5 Stelle?
I grillini nel Movimento 5 Stelle crescono

Il m5s sta diventando una cosa molto seria ed è soggetto a derive in­controllabili se non si usa un metodo rigoroso nell'affrontare i proble­mi.

L'affare Tavolazzi

Si sono accorti che il MoVimento 5 Stelle esiste!

Dialogo 9: Beppe Grillo Padre Padrone

Dialogo 8: Elezioni nazionali

Dialogo 7 Apparire in TV?

Dialogo 6 con uno studente

Dialogo 5: Consulenze

Dialogo 3: del potere
Dialogo 2: Elezioni
Dialogo 1: Populisti!

Cultura

Spiritualità I

George Clooney - Le Ididi Marzo. Un film da vedere.

Il voto e le trappole della democrazia

Cosadobbiamo attenderci dalla Cina

Chiè vittima di un'ideologia perde il senso dell'umorismo

Fedenella Democrazia

Nuovisoggetti politici e antichierrori

Organizzareuna democrazia dal basso

Democraziadal basso, perché è difficile

Occuparsidi politica è utile per sé, la famiglia, la professionee la società!

Comegiudicare un'organizzazione politica

Culturadella complessità

Meritocrazia

Capitalismo,né buono, né cattivo!

Un'altrastrada

Mafiao mafie

Siamoin una democrazia REALE!

Cihanno rubato la democrazia
Culturadi governo

Ilcapitalismo, può diventare virtuoso?
Siamopersone serie
Abbiamogovernanti intelligenti

LeIstituzioni viste come Chiesa
DelLeviatano
Pinocchioal paese di Acchiappa-Citrulli

Lacittà e l'arte. Il caso Firenze

Labella serata del 28 maggio e la cultura di governo

Sfruttamento delle debolezze umane a finipubblicitari e politici

Libertà

Comedecidere quando non si sa come decidere?

Pubblicitàe il corpo delle donne

Creatività,antidoto al condizionamento mediatico
Sehai una voglia... Toglitela!
Lapubblicità programma il nostro subconscio. Ribelliamoci!
Bioenergie,energia vitale ed altre importanti fesserie
Retroazionee ante-azione
Pubblicitàe Tarocchi usano gli stessi mezziI maghi del Marketing

Sietecontenti di essere condizionati?

E'tutta una questione di cervello!

Marketingpolitico

Imminenteattacco allo strapotere di Publitalia




Decrescita felice

Ilnuovo sfruttamento
Iosono un uomo libero
Lavorofungibile

1)Creare il proprio futuro: Charles Fourier

2)E' possibile

3)Trovare un luogo dove costruire il proprio futuro

4)Se il cuore avesse ragione... non ci sarebbero coppie infelici

5)Gestire la complessità

Levirtù dei ricchi



Informazione

SUPERSTIZIONEMODERNA
Disinformazione- Sgarbi e i professionisti dell'antimafia
Sceglieredi comprare l'informazione
Gestionedelle informazioni, ecobusiness e senso critico
UmbertoEco cntro la cattiva informazione
Hovisto un fantasma



Ideologie

Letteradi un soldato tedesco sconosciuto
Aforisma










Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cultura

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 1/9/2017 alle 2:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 aprile 2016
Del rapporto tra cultura, religione e politica

Si sa che quando la situazione sociale diventa insostenibile, la popolazione reagisce con la violenza o seguendo la predicazione di un'utopia salvifica che spesso degenera in violenza e dittatura. Così i primi cristiani aspiravano al paradiso in cielo, i comunisti al paradiso in terra, l'occidente al paradiso democratico...

La prima organizzazione politica umana è stata religiosa: i dieci comandamenti biblici e la charia islamica sono embrioni di codici civili.

Non ci si deve meravigliare se il bisogno di onestà, solidarietà e giustizia risvegli il sentimento religioso quando le istituzioni civili falliscono. La popolarità di Papa Francesco lo testimonia, ma non per questo si riempiono le chiese.

Il sociologo Philippe Gonzales scrive: “La religione potrebbe essere concepita come una tradizione che tenta di pensare il senso ultimo dell'esistenza individuale e collettiva. Questa definizione che non parla di « divinità » rinvia a ciò che in ultima istanza è concepito come « reale »”

 Il senso ultimo dell'esistenza individuale e collettiva” è una credenza che si basa su qualcosa che non si può né osservare né dimostrare, ma che dà delle certezze che uniscono la popolazione e hanno delle implicazioni morali e politiche. I paradisi storicamente proposti hanno avuto profondi effetti nella società.

Nel mondo globalizzato, non c'è più una tradizione comune e i media non danno argomenti per pensare “il senso ultimo dell'esistenza individuale e collettiva”. I fisici ci parlano del big bang, ma... citando Leibnitz: “Perché c'è qualcosa invece che niente?”

Manca la fede che una volta animava le folle alla conquista del paradiso promesso. Oggi – per dare un spinta  motivazionale – si usa lo storytelling, ma le storie raccontate dai media sono tante, contraddittorie, e molti non ci vogliono più credere.

Chi cerca una spiritualità non religiosa si rifugia spesso nell’esoterismo con l’affascinante analogia tra microcosmo e macrocosmo che è una struttura frattale ormai ben nota a biologi, matematici, informatici e artisti.

Si sente fortemente la necessità di una spiritualità “laica” per niente in contrasto con la spiritualità religiosa in quanto tutti aspirano allo stesso sentimento di fratellanza e giustizia. Laica o religiosa, l’etica è fondamentale.

L’enciclica “Laudato si’” è ampiamente condivisibile, però deve diventare azione politica a protezione dei singoli e della natura. Sono necessari profondi interventi nella finanza, l’industria, l’ agricoltura e i servizi sociali e questo è compito di ognuno e dei governanti (microcosmo e macrocosmo).

Occorre diffondere uno storytelling per dare una spinta motivazionale alle buone pratiche necessarie per cambiare il pianeta (risparmio, riuso, riciclo, solidarietà, partecipazione, innovazione). Questo storytelling deve dare “il senso ultimo dell'esistenza individuale e collettiva” tenendo conto della realtà ambientale, industriale, finanziaria e politica.

Questo storytelling si fa con degli spot, dei filmati, ma la materia è complessa perciò ho scelto la forma della “conferenza spettacolo «Il Grande Progetto»”


Indice dei miei post


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica cultura religione

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 26/4/2016 alle 11:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
2 dicembre 2015
La politica è “DECIDERE QUANDO NON SI SA COME DECIDERE”.

La politica è “DECIDERE QUANDO NON SI SA COME DECIDERE”.

La prima politica è quella del cuore: si fa politica con sentimenti di amore-odio che sarebbe meglio indirizzare altrove.

La seconda forma di politica è il pregiudizio (gli extracomunitari sono cattivi) o le vecchie ideologie.

La terza forma di politica è l'ignoranza e la superstizione (voto il simbolo del partito turandomi il naso e facendo gli scongiuri)

Gli italiani mancano di “CULTURA POLITICA”

La Politica (notare la maiuscola) è occuparsi del proprio futuro collettivo. Ha sempre richiesto sangue; ma oggi non occorre più prendere il fucile, occorre solo informarsi, sedersi e studiare, conciliare... c'è da farsi venire le emorroidi!

E' proprio vero, per un verso o per un altro, la Libertà richiede sangue!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica cultura

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 2/12/2015 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
2 settembre 2015
Arte di governo

L’artedel governare è l'arte di saper decidere quando non si sacome decidere!
Ci sono vari livelli di consapevolezza:

.1.      Livello sentimentale: Amore odio (Esempio:Papa Francesco – Salvini)

.2.      Livello delle favole: Diminuiremo le tasse! (Esempio:Renzi, Berlusconi)

.3.      Livello morale: Onestà, onorabilità.
      Quicominciano le complicazioni Una persona sincera può essere illusa o fingere lasincerità (i politici sono spesso ignoranti e ottimi attori).         
      Occorreinoltre memoria storica: ricordare le promesse, verificare i risultati edepennare dal numero delle persone onorabili chi colpevolmente non mantiene lepromesse.

.4.      Livello tecnico: (Socrate. Sapere di nonsapere!). Quando si ha un’idea, occorre:

        Sapere come realizzarla (metodo)

        In quale misura (temporale,spaziale, quantitativa ecc.)

        Con quale finalità (realizzatal’idea come misurerò i risultati?)

        In quali luoghi

        In quali fasi e tempi

        Con quali esperienze

        Con quali opportunità e difficoltà

        Con quali previsioni
Chi non si pone queste domande parla a vanvera senza nemmeno accorgersene.

.5.      Livello scientifico: Statistica, psicologiadelle folle, amministrazione, scienze naturali e             fisiche.Nessuno ha tutte le competenze necessarie, perciò occorre un gruppo benpreparato, motivato e onesto per decidere collettivamente, altrimenti si decidead uno degli altri livelli.




permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 2/9/2015 alle 17:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
31 agosto 2015
La Cultura di Governo

Abbiamo tutti una cultura di governo, solo che le diamo nomidiversi: la nostra cultura di governosi compone essenzialmente di "sentimenti",“ricordi” e "ideologia". C’è poi unlivello superiore che è fatto di filosofia, di scienze umane e di tecniche.

La cultura di governo ci serve!Ci aiuta a decidere, senza stress quandonon si sa come decidere; èproprio il risultato ottenuto con le decisionisentimentali e ideologiche.

Lacultura di governo più sempliceè affidarsi alla sorte. Un’opportunitàcolta al volo, un incontro casuale e la decisione è presa oppure ci siaffida a una simpatia o a quello che “TUTTI” pensano sia giusto. Non c'è bisogno di rompersi la testa.

Abbiamoquindi una cultura di governosoprattutto per gestire i rapporti con noi stessi e la nostra famiglia, gli amici, e se abbiamo grandiresponsabilità gli affari,la società e sopra ogni cosa la natura.

La cultura di governo è fatta da semplici regole, la più generaleè "Fai agli altri  ciò che vorresti gli altri facessero a te." (Attenzione ai masochisti che amano soffrire!).Ci sono migliaia di tali principi e ogni volta che qualcosa non funziona nel modo previsto, ci rendiamo conto che abbiamo dimenticatoo non abbiamo utilizzato la ricetta giusta.

Dovetroviamo queste ricette? Si comincia all’asilo con le favole, le leggende,e poi impariamo dagliesempi di famosi personaggi. L'esperienzadi vita aggiunge una bella collezione diricette. Basta ricordare ilbuon esempio o laricetta giusta al momento giusto! Noi ereditiamo una cultura di governo che si è formata in quattro millenni! Ma l'ultimo secolo imponearricchire questa cultura di base con i metodi presi dalle scienze umane e naturali.

Lacultura di governoci permette di scegliere tra tutte le decisioni prevedibili quelle che avranno maggiore possibilità di successo.Da notare che ci sono decisioni semplici prese per passioneo ideologia che hanno grandi risultati; l'amore del prossimo e dellanatura permette di evitare conflittirazziali e inquinamento, ma nonè sufficiente: lacomplessità dei problemi richiededi padroneggiare concetti che sono normali nel business,nelle scienze e in informatica. Si tratta di ricette semplici che tengono conto deisentimenti e dei bisogni delle persone per determinaregli obiettivi, ma devonousare scienza e coscienza per ottenere i risultati voluti.

Questa"cultura di governo della complessità " - che per ora è patrimonio diminoranza - deve essere acquisita da tutti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica metodo

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 31/8/2015 alle 22:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
31 agosto 2015
Differenza tra filosofia e ideologia


La filosofia serve per decidere quando non sisa come decidere (cioè quasi sempre).

La filosofia è piena di dubbi, richiedememoria storica, deve conoscere i sentimenti umani e le tendenze sociali, utilizzaretutte le conoscenze disponibili e cercarne delle nuove, elaborare nuovesoluzioni, pesare i pro e i contro e infine fare la miglior scelta possibile, sapendobene che il risultato non è mai sicuro. La filosofia richiede fede, pazienza egrande forza d’animo per superare le difficoltà.

L’ideologia è un surrogato di filosofia.

L’ideologia è piena di certezze, si contentadei ricordi senza ulteriori ricerche in domini non familiari, è emotiva, usaregole semplici senza adattarle alla situazione che muta continuamente, decideavventatamente,. Lo slancio permette di superare grandi difficoltà, salvo poi crollaredopo cocenti delusioni.

L’ideologia non è necessariamente negativa, spessonasce da un profondo pensiero filosofico, ma la filosofia non può essere condensatain rigide regole.

L’ideologia ha il grande merito di permetteredecisioni rapide, ma non appropriate a tutte le situazioni come sipretenderebbe.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica metodo

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 31/8/2015 alle 22:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
31 agosto 2015
Dio somiglia tremendamente a un computer quantistico!

Non c’è da meravigliarsi, la Natura è opera di Dio; ma se siete agnostici, sostituite alla parola “Dio” con “Natura” e il discorso torna lo stesso.

I computer quantistici hanno la particolarità di provare tutte le soluzioni contemporaneamente e di scegliere la prima che va bene. E’ vero nel mondo dei quanti ed è vero anche nel nostro. E’ il darwinismo. I dinosauri si sono estinti, altre specie hanno prosperato ed è vero anche per i primi uomini apparsi in Africa di cui siamo l’ultimo anello ma ancora molto imperfetto!

Quello che è vero nel mondo subatomico e nella natura è vero anche nella società che si evolve verso forme migliori superando – almeno da noi – rivoluzioni e dittature fino ad approdare alla nostra pseudo - democrazia che aspetta la nuova crisi sistemica per decidersi a migliorare.

Che le cose non vadano bene è purtroppo normale. Bisogna provare molte volte prima di trovare la strada giusta, ma abbiamo un’intelligenza che ci permette – se l’adoperiamo – di evitare dei disastri.

La prima cosa di cui abbiamo bisogno è la fede di poter superare le difficoltà: insistere e ricominciare se necessario. E’ il messaggio dei profeti; ci hanno dato dei buoni principi come: fai ad altri quello che ti piacerebbe gli altri facessero a te (ma attenzione ai masochisti che godono nel soffrire). Il principio è molto buono, ma da solo non garantisce il successo; indica solamente una buona direzione e -- se non si segue -- avremo certamente dei problemi.

Ci vuole fede! Negli affari di famiglia come nel lavoro, nella società e nell’ambiente che la nostra stoltezza compromette. A tutto si può rimediare, ma non bisogna perdere la speranza.

Ogni errore è un segnale importante sui pericoli da evitare, maggiore il numero d’insuccessi, più si restringe la possibilità si sbagliare e diventa individuabile la via buona per il successo.

Naturalmente con una buona memoria del passato, la scienza e calcolando tutto quello che è possibile, a costo di questa fatica la via del successo diventa più facile.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica metodo

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 31/8/2015 alle 22:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
31 agosto 2015
Religione e cultura di governo

Un’opinione molto diffusa sulla religione èche sia seguita solo da sempliciotti, da Teocon e affaristi, ma non è solocosì.

Senza cultura storica non si capisce che lareligione con i dieci comandamenti ha diffuso il primo Codice Civile!Naturalmente adatto a semplici pastori nomadi di 4000 anni fa.

La Bibbia è un libro di Storia (e di storie)che deve essere letto e interpretato alla luce del nostro secolo. Per esempio,dopo che Esaù vendette a Giacobbe la primogenitura per un piatto di lenticchie,nessuna persona seria che ha capito il messaggio dà più niente per un piatto dilenticchie.

I nostri governanti (e il popolo) hannodimenticato l’interpretazione del sogno di Faraone da parte di Giuseppe.Abbiamo avuto anni di vacche grasse con il boom economico e non abbiamo fatto riserve… anzi!

Letta così la Bibbia è cultura di governoed è naturale che interferisca col potere politico. Quando il potere politicoignora i principi base della religione come sta succedendo in Italia, la gentefinalmente capisce che “non c’è più religione” e aspira a correttezza e onestàda parte dei politici: qualità da santi!

Togliatti, quando era sul treno che lo portavaal XX congresso del PCUS dove sarebbero stati denunciati i crimini di Stalinleggeva le Confessioni di S. Agostino. Una lettura perfettamente adatta allasituazione.

Una certa faccia della religione [quella coltae onesta] non è per niente in contrasto col pensiero scientifico perchéattraverso le sue interpretazioni delle scritture fa osservazioni da sociologo,psicologo e statista e la trascendenza porta naturalmente al ragionamento“olistico”.

Mi pare di aver spiegato abbastanza bene cos’èil ragionamento sistemico nella conferenza-spettacolo “IlGrande Progetto"”, ma le diapositive di questa presentazionedel “Ragionamento sistemico dei profeti”  sono piùesplicite.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica metodo

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 31/8/2015 alle 22:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
26 gennaio 2015
La pubblicità ci ruba l'attenzione

La pubblicità ruba la nostra attenzione

La pubblicità è invadente, ci colpisce dappertutto. Non per niente per i pubblicitari il consumatore è un “target”, un bersaglio che il messaggio deve colpire.

Pur di portare il messaggio alla nostra attenzione interrompono la musica che stiamo ascoltando, il film che stiamo guardando, ci fermano per la strada per offrire mercanzia e servizi, ci offrono campioni non richiesti per invogliarci all'acquisto. Non ci lasciano in pace!

Non si può sfuggire! Su internet coprono il post che stiamo leggendo per obbligarci a conoscere la marca dell'auto che non compreremo mai. Sul lato dello schermo lampeggiano irritanti annunci che dobbiamo spegnere prestandovi attenzione.

I pubblicitari studiano psicologia, sanno che quando qualcosa entra nel nostro campo visivo, per esempio una vespa o uno scarafaggio, lo notiamo con la coda dell'occhio e istintivamente voltiamo la testa. Così mettono pubblicità lampeggianti sullo lato dello schermo, gli spot televisivi cambiano continuamente scena per incollare letteralmente l'occhio dello spettatore sullo schermo.

Sta cominciando una resistenza contro questa invasione. Propongono la app per il telefonino senza pubblicità se la comprate. Google cerca di mandarvi pubblicità di prodotti che avete cercato col motore di ricerca. Sembra che vi faccia un piacere, ma se non ci fate attenzione, limita la vostra scelta a quanto vi è proposto.

L'inghippo sta nel “se non ci fate attenzione”!

  • Se non ci fate attenzione, hanno precedenza le ragioni del cuore.

  • Se non ci fate attenzione, ha precedenza la pubblicità.

  • Se non ci fate attenzione, accettate le opinioni correnti. L'esempio più eclatante è come si reagiva cent'anni fa di fronte a certi costumi sessuali e come si reagisce oggi. Come ci si vestiva e come ci si veste ecc. Chi è giovane non ricorda quanto erano criticati i maschi che avevano i capelli lunghi fin sulle spalle. Poi cantanti e artisti hanno creato una nuova moda e oggi ognuno si taglia i capelli come gli pare. Formalmente questa libertà c'era anche prima.

  • Se non fate attenzione ai vostri diritti e doveri come cittadini accettate supinamente le decisioni delle Autorità e subite crisi economiche e speriamo non più guerre.

Insomma se non fate attenzione diventate burattini fatti danzare dal subconscio personale e sociale.

La pubblicità commerciale e politica fanno di tutto per rubare la nostra attenzione, guidare le nostre scelte e purtroppo lo fanno anche molto bene.

Il fatto che saremmo liberi di non ascoltare le sirene della pubblicità e della politica non ha nessun effetto perché dovremmo farci attenzione e ci hanno rubato l'attenzione!

Essere padroni di se stessi richiede attenzione!




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pubblicità psicologia

permalink | inviato da IDEOCOORDINATE il 26/1/2015 alle 15:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile       
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Feed
blog letto 67877 volte